EMILIO VERRILLO

Emilio Verrillo - Me siento straniero
Emilio Verrillo nasce nel ridente anno 1976. Inizia la sua carriera artistica nel ‘90 esibendosi con la Chitarra nei circuiti del suo paese da qui le prime canzoni, il mondo anni ’70 e la passione per le canzoni napoletane classiche. Dopo varie esperienze nei villaggi vacanze come musicista partecipa alla semifinale di Castrocaro 98 dove riscuote un buon consenso di critica e addetti ai lavori.
Trasferitosi a Milano conosce il produttore Joe Migliozzi e nascono i primi lavori che portano al singolo “Joe! (aspetto tue notizie)” in rotazione nelle radio, durante i mesi estivi del 2006.
Altri lavori discografici sono:
“E Gae M’ispirò” 2002; “le dita, la voce e naturalmente la chitarra” 2004; “Io e Napoli” Vol. " 1, 2 e 3 " 2009 - '10 - '11; “Emilio canta Rino versione live” 2012. Attualmente si esibisce da solo o accompagnato dalla fisarmonica in un duo chiamato “Ndrezzati”. in un quartetto di musica popolare con “Gli Effendi” Tribute Band di Rino Gaetano, dove è voce, chitarra e kazoo on gli “Omonimo Blues” gruppo blues partenopeo; ancora con “Gli Sciarmatos” gruppo musicale creato apposta per le serenate; e gli “Stip ca truov” in canzoni classiche napoletane rivisitate.
Numerose le sue collaborazioni: nel '94 col pianista Brian Kelvin, in tour coi Brubell, in una colonna sonora con i Ruttos, con i Blue Vomits nel disco del '98, Terry Lilium al violino, in un concerto classico napoletano nell'ottobre '01.
Collabora inoltre con: Robert Robert, Banny Peppers, i Nervous, i Pappafrolls, the Tartufs, Frank Boblins quest'ultimo insignito della prestigiosa medaglia in si bemolle maggiore. Albert Boss, Elton Birbetta e Black Pipe pianista degli Stops ed i Moscardins.
emilio-verrillo-400